martedì 31 ottobre 2017

Dialoghi ermetici (Dio e le dimensioni)



T. : Per la Chiesa è stato un male necessario per diffondere la religione cristiana che di cristiano non aveva alcunché!

N. : La domanda da porci è: Dio è cristiano ,mussulmano,indù,buddista ecc.ecc.ecc.ecc.?

G. : Dio chi ?

N. : comunque sia il cattolicesimo ...senza guardare lontano ,è stato imposto con la violenza e la morte,tanto basterebbe ad un cerebroleso per meditare...ma finchè esisterà gente che vede Gesù e la Madonna sarà inutile discutere!

G. : D-IO? nessuno di questi.

N. : D= Divino-IO= io superiore...morale ciò che l'uomo chiama Dio è la coscienza Cosmica contenuta in ogni particella micro e MACRO-Cosmica.

In poche parole siamo Noi dio !!!

T. : IO dualità fusi creano il terzo stato che raggiunge con la massima evoluzione il quarto stato ( Tetragramma )

N. : Dio è una rete neurale interconnessa che comunica con onde e vibrazioni formate da luce-suono , tutto comunica ed è collegato alla coscienza cosmica (DIO). La dualità esiste in terza dimensione ed è effimera...

T. : Ma è un passaggio obbligato, non si può saltare ad altre dimensioni senza entrare prima in sintonia con le vibrazioni più basse, via via si passa a quelle più elevate. Dipende dalla evoluzione che hai raggiunto e vai oltre.

N. : In terza dimensione è necessaria la dualità per permettere un equilibrio accettabile perchè è una fascia energetica densa di materia con basse vibrazioni e frequenze...se non esistessero tali presupposti(gli opposti) tutto il sistema 3D sarebbe instabile e governato da un caos presente negli stati quantici ma incontrollabile in terza dimensione!

T. : Quindi passaggio obbligato.

N. : Quel via via di qui parli dipende solo da Te e dal Tuo Stato di Coscienza.

T. : Esatto !

N. : In realtà l'evoluzione non è andare oltre...bensì integrare (inglobare) i propri stati dell'Essere...ovvero Essere contemporaneamente nei dodici stati dimensionali in piena coscienza e allineamento! dalla dimensione 1 (subatomica) alla 12 ( Energia o Coscienza Cosmica) corso evolutivo - grado avanzato.

G. : 12 stati?

N. : Gesù ,Budda ecc. provenivano dalla 7^ D.

G. : Io sto ancora a zero ?

N. : Al massimo al 3° G.

T. : Zero è anche un numero, una partenza.

N. : Quando sognamo siamo in 4^ a volte 5^. Se leggiamo il sistema a livello informatico quindi col sistema binario siamo un insieme di 010011010101 ecc. G. i 12 Stati o Dimensioni esistono anche se non ne sei cosciente...esiste una te in 12 dimensioni, se ne prendi coscienza ogni parte di te sente tutte le 12 parti che compongono la tua unicità,quando si riallineno si torna a Casa.

Nosso Lar = chi è cosciente è già a Casa...nosso= nostra ,lar= dimora.


sabato 28 ottobre 2017

Il fallimento dell'Onu


Gli obiettivi dell'Onu per il 2015 non sono stati raggiunti ed ora siamo nel 2017. 
 
L'Assemblea generale dell'Onu ogni anno ripropone buoni propositi e discute di questioni che non sempre vengono affrontate concretamente. 
 
Per essere credibile il rispetto degli impegni esistenti, prima ancora dei futuri, deve essere una priorità per tutti i Paesi che li hanno assunti. 
 
Al momento, a causa del mancato impegno della maggior parte degli stati membri dell'Onu, possiamo affermare che l'Onu è un fallimento.
 
Non può bastare la lettura di un rapporto che delinea la visione dell'Onu e il quadro di sviluppo sostenibile che intende approntare "per soddisfare i bisogni sia delle persone che del pianeta" come ha candidamente annunciato il segretario generale Ban Ki-moon (presidente dal 17 gennaio 2004 – 1º dicembre 2006).

Non basta teorizzare che l'agenda per lo sviluppo post 2015 debba basarsi sui diritti, con particolare attenzione alle donne, ai giovani e ai gruppi emarginati.
 
Ecco un video in risposta al fallimento dell'Onu : 

domenica 15 ottobre 2017

Telegram vs Whatsapp

1. Registrazione intuitiva e contatti facilmente reperibili

2. Disponibile su qualsiasi piattaforma (altro che WhatsApp Web)

3. Condivisione senza limiti (o quasi)

4. Sicurezza ad altissimo livello


5. Supergruppi ed emoji personalizzabili


from : https://www.androidpit.it/telegram-migliore-whatsapp-motivi 



ULTIM’ORA: WhatsApp, lo stato "online" svela se dormiamo e con chi parliamo...

SAPERE se dormiamo e con chi stiamo parlando non sarebbe poi tanto difficile, con buona pace della privacy. Chiunque, sia un fidanzato geloso che un inserzionista interessato, sarebbe in grado di tracciare le nostre attività su WhatsApp, semplicemente analizzando lo stato "online". È facile sapere quando un contatto è presente su WhatsApp e quando una persona si è collegata l'ultima volta. Se si può nascondere la voce "ultimo accesso", è invece impossibile nascondere lo stato "online". Ed è proprio su questo punto che l'app di messaggistica mostra la sua vulnerabilità. A lanciare l'allarme sul suo blog è Rob Heaton, un ingegnere software che in passato si è già occupato di questioni simili. Secondo lui, basta costruire un'estensione per Chrome in grado di registrare le attività online dei propri contatti WhatsApp, per scoprire se dormono o con chi stanno chattando. Quella che appare come un'innocua voce in alto a sinistra, nasconde quindi delle insospettate insidie.


giovedì 12 ottobre 2017

Le fake news terroristiche della Lorenzin

 

Questo è terrorismo, oltre che una notizia falsa divulgata da un ministro....


Queste sono le fake news direttamente dal nostro Ministro Lorenzin...Ma che bella faccia tosta...si deve dimettere !!!
 

mercoledì 11 ottobre 2017

MR. ROBOT 3 – I PRIMI 7 MINUTI DELLA TERZA STAGIONE


La scena d’apertura introduce un nuovo personaggio, Irving (Bobby Cannavale), “un laconico e pragmatico vecchio venditore di auto usate” che evidentemente nasconde qualcosa di più. In seguito, la clip ci porta all’interno dell’impianto nucleare di Washington Township, sito di grande importanza per Whiterose (BD Wong), l’enigmatica leader della Dark Army che si nasconde dietro l’identità di Zhang, Ministro della Sicurezza cinese. Si tratta dello stesso impianto nucleare dove lavoravano il padre di Elliot (Rami Malek) e la madre di Angela (Portia Doubleday), e che ha causato la morte di entrambi, spingendo Elliot sulla strada dell’hacking.

martedì 10 ottobre 2017

Bruce Lee (Il Maestro)


Bruce Jun Fan Lee (李小龍T, Lǐ XiǎolóngP; San Francisco, 27 novembre1940 – Hong Kong, 20 luglio 1973) è stato un attore, artista marziale, filosofo, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico cinese con passaporto statunitense.
 
Nato nella Chinatown di San Francisco da famiglia originaria di Hong Kong, cresciuto poi nel suo paese natale e ritornato a diciotto anni a San Francisco, Lee è ampiamente considerato uno dei più influenti artisti marziali di tutti i tempi, nonché l'attore più ricordato per la presentazione delle arti marziali cinesi al mondo. I suoi film, prodotti a Hong Kong e ad Hollywood, elevarono ad un nuovo livello di popolarità e gradimento le pellicole di arti marziali e l'interesse per questo tipo di discipline in Occidente. La direzione ed il tono delle sue opere influenzarono profondamente i film di arti marziali di Hong Kong che, fino ad allora, avevano mostrato più un senso teatrale che realistico delle scene. L'arte marziale da lui sintetizzata è chiamata Jeet Kune Do. (fonte Wikipedia)
 
 
 Frasi Famose di Bruce Lee: 
 
 “Più sono vuote le teste, più sono lunghe le lingue.”
 
 “Essere umili verso i superiori è un dovere, verso gli eguali è cortesia, verso gli inferiori è nobiltà, verso tutti è la salvezza.”
 
“La maggior parte delle persone parla senza ascoltare. Ben pochi ascoltano senza parlare. È assai raro trovare qualcuno che sappia parlare e ascoltare.”
 
 “Vi dirò il mio segreto per liberare la mente dai pensieri negativi. Quando un tale pensiero entra nella mia mente, lo visualizzo come se fosse scritto su un pezzo di carta. Quindi gli do mentalmente fuoco e lo visualizzo mentre brucia fino a diventare cenere. Il pensiero negativo è distrutto, e non entrerà più.”

Ecco un filmato con protagonista il mito indiscusso delle arti marziali, Bruce Lee, girato a Longbeach, in California, nel 1967.


domenica 8 ottobre 2017

Internet USA vs Italia


Il Rapporto sullo Stato di Internet di Akamai, riferito all'ultimo trimestre del 2016, ci mette ancora una volta di fronte al fatto che il nostro paese occupa ancora le ultime posizioni al mondo in fatto di velocità della rete e di adozione della banda larga. L’Italia è al 58° posto nel mondo per velocità a 8,7 Mbps. La Norvegia è a 23,6 Mbps con una crescita annua del 26%.


L’Italia è una Repubblica fondata sui 56K, in pratica la velocità di Internet negli anni 90. Su 28 Paesi dell’Ue è al 25° posto dell’indice europeo di digitalizzazione (Desi). E se in Corea del Sud, leader mondiale, la velocità media di connessione è di 20,5 megabit, e in Svezia, leader europeo, è di 17,4 mega, noi siamo fermi a 5,4 mega. In Italia il servizio universale garantito per legge è fermo al doppino di rame collegato al modem. Per questo, mentre giovedì è atteso l’ennesimo lancio del piano di governo sulla banda ultralarga, l’Autorità garante nelle comunicazioni chiede un salto tecnologico nella qualità minima dei servizi di accesso a Internet. «In Italia ci sono le condizioni per passare dai 56K ad almeno 2 mega» spiega il presidente dell’Agcom Angelo Cardani. 2 mega vuol dire il minimo necessario per parlare di Adsl, un sistema di connessione che a oggi è preistoria. Intendiamoci, qui stiamo ancora discutendo di «accesso efficace» alla Rete, mentre ci sono Paesi come la Finlandia che dal 2010 garantiscono un megabit gratuito a ogni cittadino, nella convinzione che Internet sia un bene (pubblico) necessario. Per capirsi: 56K è la banda stretta. Con l’Adsl si entra nella banda larga che ancora domina in Italia. Il mondo è proiettato ormai verso la banda ultralarga, cioè una velocità che va da 30 mega in su, più facile da ottenere grazie alla fibra ottica. I ritardi dell’Italia sono sintetizzati in cifre impietose. La copertura di banda ultralarga (superiore a 30 mega) è ferma al 44% contro una media Ue del 71%. Quella a 100 mega è inchiodata al 10,2% contro l’85% richiesto dall’Europa entro il 2020. Gli italiani che hanno abbonamenti sopra i 30 mega sono il 5,4% (il 30% nell’Ue).

In Italia se entri in un negozio....molto probabilmente non ha internet, se lo ha, devi pregare il titolare per avere la password del wi-fi e per giunta la linea è lentissima, in America...NO !!!