mercoledì 30 marzo 2016

Ben Innes selfies with hijacker


Ben Innes, inglese di Leeds, è il personaggio del giorno sulla stampa britannica. Tutti i giornali riportano infatti il selfie che Innes si è fatto accanto al dirottatore dell'aereo di linea dell'EgyptAir a Cipro, con tanto di sorriso di circostanza. Per lui "è il miglior selfie mai visto". Per altri una sciocchezza insensata e di pessimo gusto. Il risultato è che quella foto è diventata la foto del giorno.


Per lui "è il miglior selfie mai visto". Per altri una sciocchezza insensata e di pessimo gusto. Fatto sta che Ben Innes, inglese di Leeds, uno dei passeggeri stranieri tenuti ieri in ostaggio per qualche ora dall'uomo che ha dirottato l'aereo di linea dell'EgyptAir a Cipro, non ha esitato a farsi immortalare nel pieno della vicenda in una foto accanto al dirottatore, Seif Eddin Mustafa, sfoggiando anche uno strampalato sorriso di circostanza. Stamane Innes dilaga sui giornali britannici, in quel clic inedito che lo ritrae ridanciano a dispetto della cintura esplosiva (solo più tardi rivelatasi falsa) indossata al suo fianco dal protagonista del sequestro.


L'uomo era uno dei passeggeri stranieri tenuti in ostaggio martedì, per qualche ora, da Seif Eddin Mustafa. Nel clic inedito lo si vede ridanciano a dispetto della cintura esplosiva (solo più tardi rivelatasi falsa) indossata al suo fianco dal protagonista del sequestro.
A raccontare la storia di questa discutibile ultima frontiera dell'esibizionismo era stato l'unico ostaggio italiano del volo dirottato, Andrea Banchetti, che aveva detto di aver visto la bravata e di aver rimproverato l'inglese. Ma Innes, intervistato oggi come una star dal tabloid "Sun", non si mostra molto pentito. "Non sono sicuro del perché lo abbia fatto - ammette - ma credo di aver voluto dare un calcio alla prudenza, nel tentativo di restare positivo di fronte alle avversità". "Ho immaginato - aggiunge - che se quella bomba fosse stata vera, non avrei avuto scampo comunque, così ho colto l'occasione per avvicinarlo". 
In effetti non si è trattato di un vero selfie: Ben spiega di essersi fatto fotografare da "una hostess", per poi completare l'opera trasmettendo l'immagine alla madre via telefonino. Come a voler condividere anche con lei, in preda a chissà quale angoscia, i suoi "15 minuti di celebrità".


martedì 29 marzo 2016

Quante persone ha ucciso l'Islam ?


I dittatori qui riuniti sono in ordine di numero di uccisioni fino ad arrivare a colui che ha ucciso un milione di persone.
Tra tutti, sicuramente il vincitore è Mao, seguito da Stalin e Hitler. Spero che l’inferno esista e che tutti loro siano in uno stato di dolore eterno.

Yakubu Gowon: 1.1 milione
Mengistu Halle Mariam: 1.5 milione
Kim II Sung: 1.6 milioni
Pol Pot: 1.7 milione
Ismail Enver Pasha: 2.5 milioni
Hideski Tojo: 5 milioni
Leopold II del Belgio: 15 milioni
Adolf Hitler: 17 milioni
Jozef Stalin: 23 milioni
Mao Zedong: 78 milioni

L’Isis ha ucciso non più di 12mila persone. 

Quasi tutte nei Paesi arabi !!!

Sono Iraq e Siria ad aver pagato il tributo di sangue più alto all’Isis. Che concentra le proprie attività terroristiche nei Paesi a maggioranza musulmana
Sono più di 12mila le persone rimaste uccise negli attacchi terroristici condotti dallo Stato islamico da quando, nell’aprile di due anni fa, gli uomini del califfo Al-Baghdadi hanno iniziato la loro attività sotto la bandiera nera del Califfato.
Ma se in queste ore negli occhi del mondo scorrono le immagini dello Stade de France e del Bataclan, sono la Siria e soprattutto l’Iraq ad aver pagato il tributo di sangue più alto. È in questi Paesi, infatti, che si è intensificata l’attività terroristica dell’Isis.
Incrociando i dati del Global Terrorism database, che censisce gli attentati condotti fino a fine 2014, e quelli avvenuti nel 2015 e censiti da Wikipedia, questa è la mappa che si ottiene:

 

venerdì 25 marzo 2016

#voglioessereliberodimorire


#voglioessereliberodimorire

Il viceministro dell'interno dice che per la sicurezza dobbiamo essere disponibili a rinunciare a parti della nostra autonomia personale e della nostra privacy e il parlamento europeo sta per prendere misure in tale senso (aprile).
Io non voglio vivere in uno stato di polizia, voglio essere libero di morire in un attentato in uno dei tanti aeroporti che frequento ogni anno, anche perché lo stato di polizia mi uccide come persona ogni giorno mentre il terrorismo mi uccide una volta sola e in ogni caso le cause di morte di cui bisogna avere paura sono altre:

19° posto – morire in conseguenza di punture di api, vespe o calabroni. 1 probabilità su 62.950.
18° posto – 1 probabilità su 51.199 di restare vittima di una tempesta.
17° posto – 1 probabilità su 6.174 di morire per il gran caldo.
16° posto – 1 probabilità su 5.981 di morire per un colpo d’arma da fuoco accidentale.
15° posto – 1 probabilità su 5.862 di morire in un incidente aereo.
14° posto – 1 probabilità su 4.147 di morire in un incidente con la bicicletta.
13° posto – 1 probabilità su 1.235 di morire in un incendio.
12° posto – 1 probabilità su 1.073 di morire annegati.
11° posto – 1 probabilità su 802 di morire in un incidente di moto.
10° posto – 1 probabilità su 623 di morire investito da un’auto.
9° posto – 1 probabilità su 300 di finire ucciso da un colpo di arma da fuoco.
8° posto – 1 probabilità su 272 di essere tra i passeggeri in un incidente stradale mortale.
7° posto – 1 probabilità su 184 di morire a causa di una caduta.
6° posto – 1 probabilità su 139 di morire per un avvelenamento accidentale.
5° posto – 1 probabilità su 115 di morire a causa di una ferita auto-inflitta.
4° posto – 1 probabilità su 85 di morire al volante di un’auto per un incidente stradale
3° posto – 1 probabilità su 28 di morire per infarto.
2° posto – 1 probabilità su 7 di morire per un tumore.
1° posto – 1 probabilità su 6 di morire per una malattia cardiaca.

From : Mauro Biglino

giovedì 24 marzo 2016

Isis è إيزيس الاستخدامات

  1. Secondo un’inchiesta americana e le indiscrezioni di alcuni jihadisti, riportate per esempio in questo articolo di HuffPost, il leader dell’Isis avrebbe avuto la possibilità di allacciare contatti e fare proseliti anche all’interno del carcere allestito dagli americani in Iraq “Camp Bucca“, elemento quanto meno insolito, visto il trattamento riservato ai reclusi in strutture analoghe, da Guantanamo ad Abu Ghraib.
    Possibile che in questo carcere nessuno si sia accorto di niente?
  2. Quando gli USA hanno ritirato le truppe dall’Iraq, hanno abbandonato il paese al caos. Era noto il fatto che il governo iracheno non godesse dell’autorevolezza necessaria per mantenere il controllo della situazione, ne della fedeltà di larga parte dei poliziotti e dei soldati, oltre al fatto che questi non avevano la forza di confrontarsi con i gruppi di opposizione armata, islamisti e non. La situazione in Iraq era incandescente anche quando migliaia di soldati a stelle e strisce presidiavano il paese, e quando questi sono venuti meno è sprofondato immediatamente nel caos. Davvero gli Usa potevano non prevedere questo scenario?
  3. Perché nessuno – ne gli Usa, ne gli alleati mediorientali – è intervenuto tempestivamente, quando poche centinaia di uomini hanno preso d’assalto i depositi di armi dell’esercito e le banche irachene, consentendo ad ISIS di arricchirsi e ingigantirsi?
  4. E’ ormai noto e comprovato – anche dai recenti video e foto rilasciati dai russi, che mostrano gli affari della Turchia con ISIS – che alcuni alleati sostengono, in modo più o meno diretto, il cosiddetto Stato Islamico, organizzazione considerata il mandante, tra gli altri, degli attentati di Parigi.
    Come mai nessuno ne parla, ne propone sanzioni contro questi paesi?
  5. Come mai politici e media hanno iniziato a parlare di ISIS e di Al Baghdadi solo quando questo ha “proclamato” il suo califfato? Ovvero solo quando ha assunto il controllo di vasta parte della Siria e dell’Iraq, tra cui città molto importanti come Raqqa e Homs in Siria, e Mosul in Iraq?
  6. Perché i presunti raid americani contro ISIS, iniziati più di un anno fa, non hanno mai colpito i centri di potere dell’Isis, come invece ha fatto la Russia in appena due settimane, diminuendo la forza militare ed economica dell’Isis, e respingendolo da vasti territori?
  7. L’Isis domina la scena in Iraq, Siria e Libia, ovvero dove ci sono stati interventi militari occidentali.
    E’ un caso?

mercoledì 23 marzo 2016

Attentato a Bruxelles - I video sono FALSI ?

 

L'attentanto a Bruxelles del 22 Marzo del 2016 sembra essere un'altra montatura mediatica.

from : Daniele Penna

I video dell'esplosione all'aeroporto sono quelli riciclati dall'attentanto di Mosca del 2011 e quella della metropolitana sono riciclati probabilmente dall'esercitazione di un mese prima.

In questo video mostro un pò di video e articoli che ti permeterranno di porti qualche dubbio e crearti la tua opinione e magare fare qualche ricerca personale in più, proprio come ho fatto io.

Condividi questo video, fai sapere come i Mass Media ci condizionano e dai la possibilità ai tuoi amici di conoscere una faccia diversa di una stessa notizia

Grazie per la visione e condivisione che vorrai dargli.
(False flag (in italiano operatività sotto falsa bandiera) è una tattica segreta condotta nell'ambito di operazioni militari o attività di spionaggio, condotte in genere da governi, servizi segreti, e agenzie d'intelligence, progettata per apparire come perseguita da altri enti e organizzazioni, anche attraverso l'infiltrazione o lo spionaggio di questi ultimi.
Essa deriva dall'espressione in lingua inglese false flag, ossia "bandiera falsa". L'idea è quella di "firmare" una certa operazione per così dire "issando" la bandiera di un altro stato o la sigla di un'altra organizzazione.)


martedì 22 marzo 2016

Detachment - Il distacco (frasi)


"È facile essere indifferenti, l'interesse richiede coraggio e il coraggio richiede carattere!"

Henry Barthes (Adrien Brody)    
...non è indispensabile essere forti, sai? ...quello che conta davvero è che molte persone mancano di consapevolezza...è fondamentale che tu lo tenga ben presente Meredith, perché ne incontrerai sempre...a qualsiasi età...


Henry Barthes (Adrien Brody)    
"Ci serve almeno un appiglio che ci permetta di fronteggiare la complessità del mondo reale. Non parlo di un appiglio astratto, ma di un aiuto vero. Noi tutti, se potessimo, ci eviteremmo la battaglia per riuscire ad essere qualcosa e venir fuori dall'implacabile disagio che ci accompagna…"

Henry Barthes (Adrien Brody)    
"In quest'epoca l'immagine della donna è ridotta a un oggetto di consumo: prostitute, corpi da scopare, da picchiare, da scegliere. È l'olocausto del marketing, ogni minuto della nostra vita, 24 ore su 24, le entità del potere lavorano sodo per annientarci il cervello. E allora, per difendere la nostra identità e preservare i nostri processi mentali dall'assimilazione passiva di un mare di merdose idiozie la sola cosa è leggere, per stimolare l'immaginazione e la libertà di pensiero, e coltivare la nostra coscienza secondo il nostro sistema di credenze. Fidatevi, l'unico modo per sopravvivere è poter preservare la nostra mente!"

Henry Barthes (Adrien Brody)    
Non mi sono mai sentito cosi profondamente distaccato da me e così presente nel mondo nello stesso momento. Albert Camus

Henry Barthes (Adrien Brody)    
"Stiamo fallendo, stiamo fallendo. Stiamo fallendo nel senso che abbiamo deluso tutti quanti, tutti, incluso noi stessi"

Henry Barthes (Adrien Brody)    
"Io sono denaro che passa di mano in mano e sono stato una banconota rubata per comprare la lampada dei desideri ma quando il genio è saltato fuori ha pianto a dirotto e quelle lacrime erano per me, è da li che è andato tutto storto!"

Henry Barthes (Adrien Brody)    
"[...] il cuore intelligente di un bambino può scavare nel profondo di molti luoghi oscuri, ma riesce a cogliere il delicato momento del suo stesso distacco!"

Henry Barthes (Adrien Brody)    
"...ogni minuto della nostra esistenza, 24 ore su 24, le entità del potere lavorano sodo per annientarci il cervello....e allora per difendere la nostra identità e preservare i nostri processi mentali dall'assimilazione passiva di un mare di merdosa idiozia, la sola cosa è leggere per stimolare l'immaginazione e la libertà di pensiero e coltivare la nostra coscienza secondo il nostro sistema di credenze. Fidatevi, l'unico modo per sopravvivere è poter preservare la nostra mente."

Henry Barthes (Adrien Brody)    
"Ho provato a cambiare qualcosa. Ci ho provato. Onestamente. Questa è la fregatura. E' che tutti noi abbiamo troppe storie di cui occuparci e questo ci distrae dall'obiettivo. Così ci lasciamo vivere. Certi giorni va meglio, altri va peggio e così, lo spazio per noi e per gli altri, si riduce."

Henry Barthes (Adrien Brody)    
"Noi siamo tutti uguali, tutti quanti soffriamo, non c'è eccezione! Perchè il caos fa parte della vita e la vita ti confonde, ti disorienta, lo so. Io non conosco le risposte, Meredith, ma sono sicuro che tu andrai lontano, ce la puoi fare!"

video

lunedì 21 marzo 2016

Rito di Kons (Kremmerz)

Le operazioni di magia isiaca, finalizzate alle guarigioni, sono di origini antichissime, egiziane e caldee. La ritualità prevede anche l’uso di alcuni Salmi effettivamente ritenuti curativi ed energetici. Nei riti terapeutici come il Rito del Kons-Sin-Dar o in quel lo dello Zike, sono usati alcuni Carmi, di origine caldeo-egizia, giunti fino ad oggi, attraverso la tradizione orale, come parole che non appartengono a nessuna lingua, destinati all’evocazione di "forze magnetiche" e che funzionano quasi
meccanicamente per il suono che si emette pronuncia ndoli. I carmi erano stati fatti e costituiti con delle precise regole foniche: ciascuna articolazione corrisponde ad una vibrazione. Dunque i Carmi hanno una virtù anzitutto fisica perché, oltre alla ritualità, "le parole scandite, le sillabe, i suoni
generatori, le vibrazioni di quel tale campo astrale della natura umana e terrestre, a prescindere dal lato iperfisico, diventano attivi in maniera concreta, matematica, precisa". 
Kons, in Egitto, era sinonimo di dio o grande guaritore, intelligenza luni-solare di primo ordine… La sua più antica raffigurazione nota, proviene dal tempio funerario di Pepi II (VI dinastia)… Ma è solamente verso la fine del Medio Impero che la teologia tebana lo assume quale dio-figlio, nonché giovane principe e le raffigurazioni abbondano a partire dalla XVIII dinastia… Guaritore per eccellenza, di contro, gli empirici chiamavano ‘la maledizione di Kons’ quelle malattie non diagnosticabili e contro le quali si erano provati tutti i rimedi. Infatti narra una leggenda che Osiride Alzobar, combattendo contro un popolo di mostri, armati contro di lui da Tifone, stava per perdere la battaglia e a gran voce chiamò il dio della forza, Nindar-Ra, ma Kons, che per nomignolo dicevano Sin-Dar, (si ricorda che Sin era una divinità medica per gli assiro-babilonesi, e protettore delle piante medicinali) credendo che l’eroe chiamasse lui, si presentò. Osiride, corrucciato, gli chiese cosa avesse a che fare lui che guariva i mali, contro costoro. Kons gli rispose che chi può dare, può togliere la salute e, tratta di saccoccia una fiala, ne lasciò uscire una bolla di sangue di serpente; vi soffiò sopra e questa si suddivise in migliaia di piccoli serpentelli che si slanciarono sui nemici e ne accesero il sangue, così che Osiride li trucidò tutti.

Kremmerz riferisce del Kons che la sua statua o simulacro era vuoto nel suo interiore, e… il sacerdote entrava nell’interiore dell’immagine… e cominciava a parlare e a dare risposta a tutti quelli che ricorrevano per guarire… Quanto giust’appunto (analogicamente) accade anche oggi nelle operazioni responsive per ammalati, allorquando le forze e le virtù terapeutiche del Kons, evocate e invocate, si manifestano determinando le guarigioni nella corrente benefica della Miriam. Ed è così che la medicina sacerdotale e templare rivive tutt’oggi nella fratellanza terapeutica di  Miriam, efficace, salutare ed eterna, come l’amore che la nutre.”.

venerdì 18 marzo 2016

Se (poesia)


Se (in inglese If—) è il titolo di una celeberrima poesia di Joseph Rudyard Kipling scritta nel 1895. La si trova nel capitolo "Brother Square Toes" del libro "Ricompense e Fate" ("Rewards and Fairies").
Contiene una serie di precetti e istruzioni su come comportarsi o, meglio, spiega che colui che riesca a conseguire questi comportamenti è davvero degno di essere chiamato Uomo.
La poesia ha uno scopo di natura educativo e pedagogico che trascende la vera forma ritmico-narrativa, presente anche nella traduzione italiana.
In sintesi si "diventa davvero uomini" quando si raggiunge una stabilità e un'autocoscienza tali da non perdere la calma anche quando chi ci circonda è in preda al panico, oppure quando si imparano alcune "virtù" come parlare, pensare, perdonare, amare, sognare, rischiare, non farci condizionare, perseveranza, credere sempre in noi stessi, autocontrollo, autostima, fiducia, coraggio, dominio di sé, tenacia e pazienza.
Si diventa uomini prendendo coscienza di sé stessi, stando a contatto con gli altri, facendo esperienze, restando ben presenti a sé stessi, mantenendo la fede in ciò che si fa, in quello che si è.

Se saprai mantenere la testa quando tutti intorno a te
la perdono, e te ne fanno colpa.
Se saprai avere fiducia in te stesso quando tutti ne dubitano,
tenendo però considerazione anche del loro dubbio.
Se saprai aspettare senza stancarti di aspettare,
O essendo calunniato, non rispondere con calunnia,
O essendo odiato, non dare spazio all'odio,
Senza tuttavia sembrare troppo buono, né parlare troppo saggio;

Se saprai sognare, senza fare del sogno il tuo padrone;
Se saprai pensare, senza fare del pensiero il tuo scopo,
Se saprai confrontarti con Trionfo e Rovina
E trattare allo stesso modo questi due impostori.
Se riuscirai a sopportare di sentire le verità che hai detto
Distorte dai furfanti per abbindolare gli sciocchi,
O a guardare le cose per le quali hai dato la vita, distrutte,
E piegarti a ricostruirle con i tuoi logori arnesi.

Se saprai fare un solo mucchio di tutte le tue fortune
E rischiarlo in un unico lancio a testa e croce,
E perdere, e ricominciare di nuovo dal principio
senza mai far parola della tua perdita.
Se saprai serrare il tuo cuore, tendini e nervi
nel servire il tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,
E a tenere duro quando in te non c'è più nulla
Se non la Volontà che dice loro: "Tenete duro!"

Se saprai parlare alle folle senza perdere la tua virtù,
O passeggiare con i Re, rimanendo te stesso,
Se né i nemici né gli amici più cari potranno ferirti,
Se per te ogni persona conterà, ma nessuno troppo.
Se saprai riempire ogni inesorabile minuto
Dando valore ad ognuno dei sessanta secondi,
Tua sarà la Terra e tutto ciò che è in essa,
E — quel che più conta — sarai un Uomo, figlio mio !


lunedì 14 marzo 2016

Hanno dimenticato....

 
– Hanno “dimenticato” di dirci che nel latte materno da sempre ci sono tutti gli anticorpi e le sostanze nutritive che difendono il bimbo da tutte le malattie. Gli permettono una crescita sana e robusta ricca di tutto quello che serve.
Eh si…Perché doverlo dire? Anzi… In tv invece di promuovere l’allattamento materno, pubblicizziamo le varie marche di latte artificiale pieno di olio di palma!
 
– Hanno “dimenticato” inoltre di dirci che se non mangiamo cibo adatto alla nostra specie animale nasce la malattia. Dopotutto solo se il terreno è fertile per lo sviluppo di batteri e virus questi si sviluppano.
 
– Hanno “dimenticato” che la scarsità di condizioni igienico-sanitarie influisce sullo sviluppo delle malattie esantematiche.
 
– Hanno “dimenticato” di sensibilizzare l’opinione pubblica anche sui rischi e sulle controindicazioni dei vaccini.
 

Il Video dura 40 minuti ti chiedo di vederlo ! 

Al 4° minuto ascolta attentamente le parole.
Troverai un ulteriore passaggio importante anche al minuto 14:30.

Dobbiamo diffondere perchè la gente deve sapere e non deve dimenticare! 


sabato 12 marzo 2016

Le migliori frasi di Mr. Robot

 

  • Ehilà, amico. Ehilà, amico? Non mi piace. Forse dovrei darti un nome… Ma è una strada pericolosa. Esisti solo nella mia testa. Ricordiamocelo. Merda. È successo per davvero, sto parlando a qualcuno che non esiste. Quello che sto per dirti è top secret … Si tratta di una cospirazione gigantesca. C’è un gruppo di persone potenti che governano il mondo in segreto. Parlo di gente che nessuno conosce, gente invisibile. L’1% piu ricco dell’1% piu ricco che giocano a fare Dio senza permesso. E ora penso mi stiano seguendo. 

  • Hai reso molto difficile rintracciarti, ma io ci sono riuscito. Il protocollo di onion routing non è così anonimo come pensi. Chiunque controlli i nodi di uscita controlla anche il traffico, e questo mi rende quello che ti controlla.

  • Capisco come è essere diversi. Anche io sono molto diverso. Cioè, non mi faccio le seghe guardando le foto di bambini… Ma non so come si parla alle persone. Mio papà era l’unico con cui riuscivo a parlare. Ma è morto.

  • Non me ne frega un cazzo dei soldi.

  • Perché la società ti delude in questo modo? Forse perché pensiamo tutti che Steve Jobs fosse un grand’uomo anche dopo aver saputo che ha fatto miliardi sulle spalle dei bambini? O forse perché abbiamo l’impressione che tutti nostri eroi siano dei falsi. Tutto il mondo è un gran imbroglio. Ci spammiamo l’un l’altro intere cronache su delle stronzate mascherandone da opinioni, usando i social media come surrogato dell’intimità. O magari abbiamo votato perché fosse così? Non con le nostre elezioni truccate, ma con le nostre cose, con le nostre verità, i nostri soldi. Non dico niente di nuovo, forse sappiamo perché lo facciamo, non perché i libri di Hunger Games ci rendano felici… Ma perché desideriamo essere sedati. Perché è doloroso non far finta… Perché siamo dei codardi. Fanculo la società.

  • Dai a un uomo un’arma e rapina era una banca. Dai a un uomo una banca e rapina era il mondo.

  • Il mondo è un posto pericoloso ma non per colpa di criminali, ma di quelli che se ne stanno a guardare. 

  • Questo è il mondo in cui viviamo. Le persone contano sugli errori degli altri. Per manipolarci a vicenda e usarsi a vicenda. Anche per relazionarsi. Un caldo e caotico cerchio di umanità.

  • Mai mostrare il mio codice sorgente. Chiudermi. creare il mio freddo è perfetto labirinto dove nessuno potrà mai trovarmi.

  • Le persone diventano così violente e perché non riescono a comunicare.

  • La vita normale… racconti, sorrisi… mi potrebbe perfino piacere.

  • Le intenzioni sono irrilevanti. Non sono loro a guidarci. Sono i demoni e per quanto riguarda me ne ho più di molti altri.

  • Il vero coraggio è imparare a essere sinceri con se stessi.

  • Lei hackera le persone, io hackero il tempo.

  • Volevo salvare il mondo.


lunedì 7 marzo 2016

OGGI E' LA FESTA DELLA DONNA, E NON DELLA ZOCCOLA


Ecco 8 cose da non fare assolutamente l'8 Marzo...

01. Andare con le amiche a una serata di striptease.

02. Pretendere un regalo per l'occasione.

03. Fare scenate isteriche se non si ricevono gli auguri.

04. Lanciarsi in discussioni sui diritti delle donne senza saperne granché ma solo per non fare figuracce.

05. Lamentarsi di non aver ricevuto un mazzo di mimose.

06. Lamentarsi di aver ricevuto un mazzo di mimose.

07. Strumentalizzare il valore storico alla festa della donna per sfruttare quello commerciale.

08. Scambiarla per un'occasione di emancipazione in cui ci si può comportare con l'arroganza maschile.



IL calcio è l'oppio del popolo italiano






"Ecco perchè chi segue il calcio di oggi è un I.M. (classico Italiano Medio):
Ma Voi Vi sentite rappresentati da gente che da 1mil e mezzo di € ad un tabaccaio?
(es. Buffon? Sappiamo da sempre ormai che vanno avanti a scommesse illegali su campionati sopratutto locali/nazionali).
Ci son problemi gravissimi oltre di suicidi, le imprese stanno chiudendo e saranno le prossime a fare harakiri.
Questi prendono MILIONI di euro per che ruolo sociale? per GIOCARE a calcio...
Provate a paragonare il ruolo umano e sociale che svolge un operaio, imprenditore od impieganto, o ancor meglio un insegnante, spaventosamente importante nella società umana, certo solo questi ne hanno molto più di QUALUNQUE calciatore che sputa, tira calci addosso e fa da PESSIMO esempio di vita oltre che d'educazione a qualunque adulto e bambino.

 Ma il bello e che alle mie osservazioni le uniche risposte sono:
- eh... ma sai è una passione... una fede, un'amore...
- e cosa vuoi farci? Almeno di qualcosa dobbiamo svagarci... no?
- ..ma è solo uno sport!!!
- no dai, non credo che ora il calcio sia il male di tutto.
La mia risposta è una sola: sVegliateVi Vi prego!
Il nostro disinteresse è la loro forza.
Voi siete la forza del sistema stesso che giudicate marcio.
Si vota SEMPRE, ogni giorno: quando si fa la spesa, si cambia canale, si parla, SEMPRE. Si vota, si sceglie, conferma decide le proprie volontà e quindi indirizzano scelte con ripercussioni sulla propria vita direttamente.

from :  http://luigipiccirillo.blogspot.it/2014/01/calcio-la-distrazione-di-massa-migliore.html


domenica 6 marzo 2016

Siamo Razze Aliene



Cammino sospeso da terra nella metro
sono in mezzo a nessuno, ogni persona non ha diametro
ognuno dietro al suo vetro, tutti compressi e lontani un chilometro
e comunque sia tutti hanno la certezza
che l'Italia è il purgatorio e con la nebbia ti battezza
tra falliti vestiti bene, pagine di porno,

tra puttane convertite ed edicole in contorno
il mio orologio è fermo, non voleva alzarsi
il tuo sguardo è finto non vuole raccontarsi
sentimenti standard, la mia vita non è questa
e se ti cola il phard non e’ per la stanchezza
e le ferite sulle nostre schiene, forse è l'Italia che non ci vuole bene
e le ferite sulle nostreschiene, forse è l'Italia oppure siamo razze aliene
siamo razze aliene, siamo razze aliene, aliene
linea rossa poi verde, 4000 persone
non ricordi una faccia, in fila come un plotone
non mi ambienterò mai e sarà colpa dei volt
sarà che vesto nero e l'Italia è grigia di default
sarà il tuo treno che arriva e ogni suono è scomparso
sarà che tu non mi parli ed io non ti guardo
sentimenti standard, la mia vita non è questa
e se ti cola il phard non è per la stanchezza
è che l'Italia resta una dimensione di passaggio
niente è fermo, tutto è in viaggio
non c’è contatto, tutto è stanco
dove tu te ne vai ed io rimango
RIT:
dietro muri di apparenza si consuma l’esistenza
dietro muri di apparenza la mia vita non è questa/la mia vita non è questa
RIT.


venerdì 4 marzo 2016

Il caso Spotlight (abusi da parte di preti sui ragazzini)


"Quando sei un bambino povero di una famiglia povera 
e un prete si interessa a te è una gran cosa....
Come puoi dire no a Dio?"
Oscar 2016 al miglior film a "Il caso Spotlight" sull'inchiesta del Boston Globe che smascherò la sistematica copertura da parte delle gerarchie ecclesiastiche degli abusi da parte di preti sui ragazzini delle parrocchie. Stranamente il film non è stato molto pubblicizzato in Italia.

Nel 2001 la squadra giornalistica "spotlight" del Boston Globe, guidata dal neo-direttore Marty Baron, inizia una clamorosa indagine che svela gli abusi sessuali perpetrati da oltre 70 sacerdoti dell'Arcidiocesi di Boston ai danni di minori; abusi che poi sono stati insabbiati dall'autorità ecclesiastica. Consapevoli dei rischi cui vanno incontro, mettendosi contro un’istituzione come la Chiesa cattolica, Marty Baron e Ben Bradlee Jr., più i quattro membri della squadra investigativa del giornale: Walter Robinson, Mike Rezendes, Sacha Pfeiffer e Matt Carroll, sono determinati più che mai a portare la verità alla luce. La verità di una vicenda che per anni è stata ignorata dalle autorità e dai media.


giovedì 3 marzo 2016

La Casa Non Si Tocca !!!


Ci hanno tolto il lavoro, ci hanno prosciugato le buste paga con tasse sempre più alte. Ora vogliono toglierci la casa senza nemmeno passare dal giudice. I portavoce del MoVimento 5 Stelle oggi protesteranno duramente, alla Camera e al Senato, contro il decreto che consente alle banche di pignorare la casa qualora il debitore salti la scadenza di sette rate del mutuo, anche non consecutive.
Abbiamo bloccato l’accesso alle commissioni Finanze che devono esprimere un parere, non vincolante, sul provvedimento. In seguito alla nostra azione, il provvedimento oggi non è stato discusso: una piccola vittoria! Non possiamo consentire, infatti, che il Parlamento rimanga come al solito spettatore ininfluente di fronte a questo scempio

Quante famiglie, nell’arco di 15 o 30 anni, potrebbero trovarsi in difficoltà momentanea con i pagamenti? Basta un padre che finisce in cassa integrazione, una madre che perde il lavoro o persino una spesa straordinaria che fa saltare il bilancio domestico. Rischiamo di vedere decine di migliaia di nuclei sbattuti per strada senza neanche una procedura esecutiva. E che dire di imprenditori e piccoli commercianti che rischiano di vedersi sottratto il capannone o il laboratorio?
Il decreto recepisce una direttiva europea del 2014 e modifica il codice civile che oggi vieta il cosiddetto “patto commissorio”. Nella foga di rendere sempre più appetibili le sofferenze bancarie da rimettere sul mercato, la Ue e il governo consentono al creditore (l’istituto) di vendere la casa a qualunque prezzo, visto che il titolare del mutuo dovrà comunque coprire l’eventuale differenza negativa tra il prezzo di dismissione dell’immobile e il debito residuo.
Inoltre, la clausola capestro può essere introdotta anche in un secondo momento rispetto alla stipula dell’accordo, come se fosse vera la favola che intermediario e controparte hanno lo stesso peso nel contratto di mutuo. Con questa riforma, il Bomba consente alle banche di vendere con facilità le case dei cittadini anche dopo aver applicato interessi usurari. E senza che il giudice possa bloccare l’abuso. Eurocrazie e governo stanno assaltando il cuore del nostro patrimonio. Noi non ci stiamo. Non possiamo accettarlo. E faremo di tutto per evitarlo.
Fai valere i tuoi diritti! La maggior parte dei media di regime stanno in silenzio, fatti sentire con un messaggio su Twitter con l'hashtag #LaCasaNonSiTocca e condividi questo post sulla tua pagina Facebook. Il web ancora non possono controllarlo.


from : http://www.beppegrillo.it/2016/03/lacasanonsitocca_la_battaglia_del_m5s_in_difesa_degli_italiani.html




Gestione batteria e sicurezza Android


Google gestisce autonomamente il Wi-Fi  tramite android anche se lo disattiviamo dalle impostazioni, ecco perché si ha un enorme consumo di batteria.

Per disattivare questa funzione bisogna andare sulle impostazioni nel settore posizione-localizzazione e togliere le spunte nel settore google.

Nei forum molti ritengono questa forzatura di google una vera e propria intromissione nella vita privata della gente in quanto con quella funzione attiva non solo si è sempre rintracciabili e intercettabili ma google memorizza i tuoi movimenti e stili di vita.

Io ho risolto ed ora non c'è più un enorme consumo di batteria...


mercoledì 2 marzo 2016

Mr. Robot

 

Mr. Robot è una serie televisiva statunitense di genere drammatico-thriller, creata dallo sceneggiatore Sam Esmail e trasmessa dall'emittente USA Network dal 24 giugno 2015.

Elliot Alderson è un giovane ingegnere informatico di New York che lavora come esperto di sicurezza informatica alla ditta Allsafe. Sociofobico, depresso e dipendente dalla morfina, la mente di Elliot è pesantemente influenzata dai deliri paranoici e dalle allucinazioni che gli causano grossi problemi nel relazionarsi con le persone e lo fanno vivere in un costante stato di ansia e paranoia. Nella vita privata Elliot è uno stalker informatico che tratta le persone come computer da hackerare per scoprirne i segreti più intimi e spesso agendo come una sorta di giustiziere informatico.


Elliot viene avvicinato da Mr. Robot, un misterioso anarchico-insurrezionalista, che intende introdurlo in un gruppo di hacktivisti conosciuti con il nome di fsociety. Il manifesto di fsociety è liberare l'umanità dai debiti con le banche e smascherare i corruttori che stanno distruggendo il mondo. Per convincere il giovane a unirsi alla causa, Mr. Robot dichiara di voler causare il fallimento della multinazionale E Corp, ritenuta responsabile di un disastro ambientale che ha causato la morte del padre di Elliot e di altre centinaia di persone. La E Corp, identificata in seguito come "Evil Corp" (multinazionale malvagia) dal protagonista, è il cliente principale della Allsafe e per il quale Elliot sarà nominato supervisore della sicurezza informatica.

http://derenzodomenico.blogspot.it/2015/10/fuck-society-by-mr-robot.html

video

martedì 1 marzo 2016

Operazione Eagle Eye (softair)


Il softair (definito in italiano anche come tiro tattico sportivo) è una attività ludico/ricreativa - sportiva basata su tecniche, tattiche e usi militari.
Il termine deriva dalla lingua inglese, traducibile in Italiano come "aria soffice" o più letteralmente aria compressa, e i partecipanti sono chiamati "softgunners", oppure con il termine italianizzato di "softeristi", anche se quest' ultimo è poco utilizzato.
Nei paesi anglosassoni il gioco viene tuttavia chiamato "airsoft" o "air soft".
Per la pratica di tale attività vengono utilizzate delle riproduzioni di vere armi da fuoco da guerra, dette air soft gun (in acronimo ASG), e i partecipanti vestono un abbigliamento simile se non identico a quello in uso dalle varie forze armate dei paesi del mondo (mimetiche, polo, scarpe, ecc.).

Perchè il softair è uno sport bello ?

from :  http://www.softairsicilia.com/ecco-i-5-motivi-per-cui-vale-la-pena-giocare-a-softair/

1. Natura.

Chi pratica softair boschivo, riesce a scoprire meravigliosi posti, respira aria pulita e si gode sempre il fantastico scenario che si ritrova d’avanti, concedendosi qualche attimo di relax o di pace con se stessi (ma attenzione a non rilassarsi troppo!). Sono molti ormai i tornei in cui gli organizzatori esortano i club ospiti a non sporcare e a non recare danni ai campi da gioco, inserendo delle penalità per chi non rispetta queste regole.

2. Attività fisica.

Praticare attività fisica è scientificamente testato che ci rende allegri, stimola le attività cerebrali e previene diverse malattie, inoltre parliamoci chiaro, praticando attività fisica riusciamo a perdere qualche chilo di troppo.

3. Divertimento.

Voi conoscete qualcuno che ha praticato softair e non si è divertito? No?
Certo, il softair diverte tutti, dai più piccoli ai più grandi, sia uomini che donne, tutto questo viene dimostrato dal numero di persone che praticano questa attività. Queste infatti sono in larga crescita, inoltre sono nate migliaia di nuove associazioni che praticano il nostro sport e i negozi dedicati al softair sono davvero tantissimi.

4. Adrenalina.

Adesso non venite a dirmi che giocando a softair non avete avuto continue scariche di adrenalina….
Tra tensione per la gara (o allenamento), stress fisico esituazioni ansiose, il nostro sport ne genera tantissima e si sa che questa aumenta la nostra forza, i riflessi, la velocità e diminuisce il dolore. Per questi motivi (in realtà questi sono una minima parte) l’adrenalina può considerarsi una vera e propria droga che genera una forte dipendenza verso certe emozioni.

5. Amicizia.

Tutti nel softair fanno amicizia, è inevitabile. Si condividono momenti belli (e brutti) con delle persone, che alla lunga con grande probabilità legheranno e condivideranno momenti della loro vita che vanno oltre il softair. 
Si vince insieme, si perde insieme.

E’ una legge, l’amicizia è il più grande valore di questo sport, se state iniziando a praticarlo ve ne accorgerete….

Non siete convinti ? Guardate le foto del torneo organizzato dal mio club : 

I Go Devils !!!!










Ecco un video fatto durante la premiazione :


Video Obj il prigioniero :