giovedì 26 gennaio 2012

Coldplay - Paradiso


Paradise Coldplay

When She was just a girl
She expected the world
But it flew away from her reach
So she ran away in her sleep
Dreamed of paradise
Every time she closed her eyes

When She was just a girl
She expected the world
But it flew away from her reach
And the bullets catching the tees
Life goes on it gets so heavy
The wheel breaks the butterfly
Every tear a waterfall
In a night, the stormy night she closed her eyes
In a night, the stormy night away she flies
Dream of paradise

So lying underneath the stormy skies
She said I know the sun’s set to rise
It’s gonna be paradise

Traduzione

Quando era solo una ragazzina
Lei sognava il mondo
Ma questo si allontanò dalla sua portata
E quindi lei si rifugiò nei suoi sogni
E sognava il paradiso
Ogni volta che chiudeva gli occhi

Quando era solo una ragazzina
Lei sognava il mondo
Ma questo si allontanò dalla sua portata
E le pallottole colpivano i tee
La vita va avanti e diventa così pesante
Quando la ruota distrugge la farfalla
Ogni lacrima è una cascata
In una notte, notte di tempesta, lei chiuse gli occhi,
in una notte, notte di tempesta, lei vola via
Sogno di paradiso

Così, giacendo sotto i cieli in tempesta
Lei disse “io so che il sole dovrà sorgere,
e sarà il paradiso”.



mercoledì 18 gennaio 2012

Effetto Costa !!!




IL CASO
De Falco, la voce del dovere
"E' lui l'Italia vera"
Dopo le telefonate diffuse tra il capo della capitaneria di porto di Livorno e il comandante della Concordia, i commenti di stima e indignazione su Twitter e Facebook. "Per ogni Schettino, c'è uno come lui". Intervistato dal Tirreno, dice: "Abbiamo solo portato a regime il soccorso"http://www.blogger.com/img/blank.gif
di KATIA RICCARDI

http://www.repubblica.it/cronaca/2012/01/17/news/de_falco_giornata-28301199/?ref=HREA-1






giovedì 12 gennaio 2012

Lunazione Gennaio 2012


Medicina tradizionale: le Lunazioni di gennaio


Mese di Gennaio - Febbraio 2012

Costellazioni di Acquario e Pesci.
Decani : Mercurio, Luna e Saturno di Acquario.
Saturno e Giove di Pesci.

Fase del Novilunio: 23 Gennaio – ore 08.42.

Questa luna si chiamava Yriana. E come facilmente si comprenderà è identica alla prima precedente del ciclo caldeo.

Primo ciclo
Puntata ex 213

NdR: Si riporta integralmente la puntata ex 212 cui fare riferimento da ora in poi per tutto il I ciclo.

Da questa luna che si chiama Uribili comincia un nuovo ciclo molto lungo di 33 lunazioni. Questo ciclo l’Anonimo dice che è assolutamente di interpolazione di origine caldea e si chiamava appunto Ciclo Caldeo. Bisogna tener conto che queste lune sono tutte in rapporto intimo con le posizioni solari e con il movimento dei pianeti principali; quindi il calcolo è un poco meno semplice di tutti i diversi cicli precedenti. Per es. la luna acquista un valore diverso e cangiante secondo che il suo sorgere è nelle ore diurne o notturne, o secondo che certi pianeti sono sul meridiano del luogo dove l’individuo sta, o che non è sull’orizzonte, o che sia appena al suo apparire sull’orizzonte. Insomma all’intenderle bene queste lune non sono della facilità delle altre per computarne l’influenza. L’Anonimo cerca di semplificare per l’uso corrente il computo per la determinazione delle influenze, ma avvisa che secondo il suo parere, la sola cosa che crede importante è la relazione tra la fase lunare, e la posizione del sole. Quindi egli stabilisce per queste lunazioni le seguenti regole. La luna si deve ritenere positiva o negativa secondo che la sua fase astronomicamente comincia nell’ora in cui il sole è sull’orizzonte o no, e negativa quando la sua fase si compie in ora di notte. Per esempio pratico: il novilunio del 30 Marzo s’inizia tra le due ore pomeridiane e le tre dopo mezzogiorno; quindi è positiva. Quando la luna facesse la sua fase (e s’intende una delle principali quattro) in ora anteriore al sorgere del sole o dopo il tramonto del sole si deve considerare come negativa. Di più quando la luna passa sul meridiano del luogo dove l’individuo sta, un’ora prima e un’ora dopo, cioè nello spazio di 120 minuti, la luna è sempre positiva, cioè buona e favorevole. Per ben comprendere questo sistema bisogna ricordarsi che la religione caldea era a fondamento magico ed operatorio, quindi le ore della preghiera e degli scongiuri variavano secondo la positività delle influenze astrali: si pregavano gli Dei altissimi e si scongiuravano i Demoni bassi, cioè le grandi e piccole divinità infernali. Un rimedio per un ammalato, ottimo in ora positiva, diventava contrario o indifferente in ora negativa. Occorre quindi tener presente che anche quando la luna fosse negativa, al suo passaggio sul meridiano del luogo 120 minuti sono sempre favorevoli e la luna si cambia in positiva. Per quelli dei lettori che fossero più pratici nei movimenti astronomici degli altri pianeti è bene far sapere che quando i pianeti di Marte, Mercurio, Venere, Giove, Saturno passano sul meridiano del luogo hanno influenza positiva molto potente quando coincidono col passaggio della luna, o col sorgere della luna o col tramonto di essa; allora i Caldei dicevano che queste erano ore preziose perché le influenze di questi pianeti erano tutte creative. Si aggiunga ancora che l’uso dei quadrati planetarii sono di origine caldea e nella loro pratica antica, l’Anonimo napoletano dice che nessuno dei moderni l’ha bene interpretato. Gli astrologi della Caldea chiamavano quadrati quando tre pianeti e la luna si trovavano rispettivamente due sul meridiano del luogo e due coincidenti (sempre a differenza di 120 minuti) al sorgere e al tramonto della luna. Questi quadrati erano giudicati come del più fausto potere creativo ed avevano persino influenza sulle eclissi dell’anno lunare. Poiché le eclissi erano in quella religione astronomica-magica tenute in grande considerazione, perché la luna perdeva molta della sua forza o ne acquistava maggiore secondo le ore e la posizione del Sole. Ma l’Anonimo, trovando che a questi calcoli la gente contemporanea non è preparata, prega di fermarsi solamente sulla positività o negatività della Luna rispetto alle ore di Sole. Ora per questo anno corrente 1930, la luna di Marzo e per tutto Aprile ha sempre le sue fasi in ora solare, così in Maggio, in Giugno, in Luglio, in Agosto, ecc.

Primo ciclo
Puntata ex 212

Sono da considerarsi dal 30 Marzo in poi come favorevoli tutte le ore da 60 minuti precedenti l’ora della fase e i sette giorni che susseguono, da intendersi che favorevoli sono le ore fino a 60 minuti dopo il tramonto del sole e a 60 minuti prima della levata del sole: con la differenza che sono positive le influenze lunari per 3 decimi dall’alba a dopo mezzogiorno, e dal meriggio alla sera per 7 decimi. Così è il testo del manoscritto dell’Anonimo, ed in questo non mi pare abbastanza felice per chiarezza: dovrei interpretare che producendosi le fasi appena dopo il mezzogiorno, le ore mattutine sono più debolmente favorevoli delle ore del pomeriggio.
Malattie lunari da curarsi. Emicranie, amnesie, nevralgie di qualunque specie, nevriti, nevrosi, impotenza maschile, frigidità muliebre, isterismo, incognite ed esagerazioni della menopausa. Dice l’Anonimo che in questa e nelle sette lune successive sono radicalmente curabili tutte le disorganizzazioni del cervello, del midollo e della spina, dalla immensa varietà delle infermità di pertinenza della psichiatria, alle paralisi fino al morbo di Addyson! Tutti i rimedi influenzati bene si riducono a quattro: l’acqua, il fuoco, la saliva, il sale.
Acqua – sotto l’appellativo di acqua i seguaci del metodo caldeo comprendevano: la potabile, la fluviale, la rugiada, la stagnante dei pantani, la marina raccolta dalla schiuma delle onde, dalle profondità, in ore di bassa marea, di alta marea, di notte senza luna, di notti lunari, di mare in piena tempesta e di mare calmo. Nelle acque medicamentose erano comprese l’orina umana, dei bovini, degli equini, degli ovini, il vino, l’aceto, il sidro, il sangue di uomini o di bestie.
Fuoco – Il rimedio fuoco aveva anche esso diversi significati. Tutte le gradazioni dall’alito caldo al bruciamento. Dal calore per contatto con un corpo di un uomo o animale vivo, al contatto della parte ammalata con eguale o corrispondente parte di un animale ucciso al momento della medicazione.
Saliva – Solo la saliva umana, né di tutti gli umani – del sacerdote prima di tutto – delle sacerdotesse in contatto con NEBO (Mercurio) – delle Agubiche (sacerdotesse di grado inferiore).
Sale – Sale marino, solo.
Questi rimedi solo adoperati esternamente, ma ad ore proprie; come il lettore vede, con questo metodo ci occorre molta pazienza e scrupolosità. L’Anonimo Napoletano che pare abbia la pazienza di un monaco del cenobio, produce tutto un lungo ricettario per le applicazioni. Riproduco quanto mi pare più interessante.
Emicranie – Prime ore del mattino, favorevoli cioè (+); oppure 12 ore dopo il passaggio della luna sul meridiano, negative (-). Demoni malvagi che attaccano il cervello (Usuf,Musuf,Assuf,Sisuff) si fugano bruciando, su carboni ardenti, dei capelli e delle particelle di unghie dei piedi dello stesso ammalato, ed innanzi all’ammalato stesso in maniera che il cattivo odore possa essere respirato dall’ammalato. Quando per la terza volta applicata questa suffumicazione l’ammalato è preso da deliquio di stomaco, l’USUF parte per non più ritornare! (Quante signore afflitte sarebbero felici di liberarsi così di una grande molestia!).
Mal di capo detto Chiodo solare – Ore negative della luna: bollire a fuoco violento in vaso di creta bianca (?) orina dell’ammalato e orina di cavalla.
Insolazione – Ore negative suffumigi di vino ed acqua marina della schiuma di acqua di mare.
Congestione sanguigna del capo – Ore positive favorevoli (+). Riscaldare molto l’estremità inferiore della colonna vertebrale ed applicarvi del sale marino leggermente inumidito.
Vertigini e offuscamenti di vista di origine nervosa – Ore negative. Vapori di orina di bue, sale e vino bianco o rosso.
Esaurimento nervoso – Per stanchezza di applicazione o mancanza di riposo.
Nevrastenia – In tutte le sue varietà suffumicazioni continuate per 9 giorni nella camera dell’ammalato (nei nove giorni che seguono la luna piena) pei nove mesi della luna di Sagittario in poi. I suffumigi si facevano con orina di montone, acqua e sale; oppure sangue di volatili, di bove e vino rosso.
Allucinazioni – Ore positive della luna: come carattere generale le allucinazioni si curavano con i bagni caldi ai piedi di acqua, vino e sale, liquido molto caldo. Ma tre le ore buone bisognava scegliere quelle più vicine al passaggio della luna al meridiano, ed occorrendo, preferire le ore mattutine. Per le allucinazioni del gusto odorare a ripresa un panno molto riscaldato o un ferro arroventato di cui si cerca aspirare l’aria calda. Per le allucinazioni dell’udito bagnature di acqua gelata alternate con bagnature di acqua molto calda, quasi cocente sulla parete frontale per pochissimi minuti. Per le allucinazioni della vista farsi toccare col dito indice bagnato di saliva sacerdotale (?) sull’arco cigliare e alle tempie.
Ipocondria – Ore notturne bagnare con acqua calda la regione del fegato e della milza e poi cospargervi sale marino.
Nevralgie uterine – Ore mattutine ed ore negative della sera lavamenti interni con acqua bollita con vino bianco e sangue di pollo.
Follia – Secondo le diverse maniere di presentarsi di questo disordine cerebrale i Caldei avevano maniera diversa per presentare il loro rimedio. Generalmente le medicazioni erano mutevoli solamente per passaggi dal caldo al freddo, ma variavano per le parti diverse del corpo umano a cui il caldo o il freddo si prodigava, secondo la varietà di fenomeni della follia, ma bisogna tener conto che allora la follia non era considerata come un disordine dell’organismo, ma come una ossessione o invasione del corpo umano da un demone o da uno spirito di morto o anima di animale qualsiasi. Il delirio impulsivo di un folle era attribuito alla lotta tra l’anima del folle e lo spirito alieno, allora per aiutare il vivo lo si picchiava quasi ad incitarlo a non temere della sua lotta con l’altro e di fare lo stesso che a lui gli amici facevano. L’acqua molto fredda o molto calda serviva per bagnargli la faccia, il capo e il torace a spruzzi violenti.
Nel delirio isterico. Le prolungate bagnature calde alle mani e alle natiche. Nel delirio di persecuzione, il toccamento ai lombi con lunghi aghi infocati. Nella demenza per encefalite o perincefalite, pressioni con panno o lino bagnato nell’acqua e vino bolliti. Nella follia benigna si agiva come nell’ipocondria, ma il grande rimedio per la follia agitata a delirio permanente, con impulsioni a periodi, erano una serie di punture con un piccolo strumento in ferro, a forma di fiocina a tre denti, le cui punte si arroventavano indi improvvisamente si toccava prima il lato destro e poi il sinistro della schiena, e appena toccato si bagnavano le ferite con aceto o con vino acido. Così le paralisi oggi conosciute come epiloghi degli stati e dei disordini dei folli.
Follie degli innamorati – Questa è una varietà di follia che la psichiatria moderna non conosce: conosce la follia senile detta gelosia dei vecchi, ma non la follia degli innamorati. La quale era considerata dagli antichi Caldei come uno stato di assorbimento che un uomo molto innamorato di una donna, ingoiava l’animo di quella, in maniera che la faceva prigioniera ed allora avveniva una lotta tra la prigioniera e il conquistatore, di conseguenza per vincere questa infermità bisognava dividere i due contendenti, perché si riscontrava che il corpo della donna, che aveva perduta la padronanza del suo spirito, deperiva e si consumava come sego. Curioso rito medicale: si stendeva il corpo della donna su di un tavolo con la bocca spalancata e si portava in sua presenza il pazzo che si appendeva con delle funi di sotto le ascelle e sotto ai suoi piedi vi si metteva un braciere. Allora per non sentire le scottature il pazzo si dondolava, e il continuo dondolio lo invitava al vomito e come riusciva ad avere dei forti conati di vomito, la donna presa anch’essa da forte nervosismo, chiudeva la bocca e riacquistava l’anima mentre che il pazzo coi piedi scottati era guarito. Speriamo che nessuno si trovi in questo caso per eseguire un esperimento di questo genere.
Impotenza e frigidità – Per l’uomo in ore negative bagnature calde di vino, aceto e orina di montone: e la donna sempre sulla parte, grande, continuo, per quanto possibile, bagno di latte di pecora e suffumicazione a fuoco vivo di peli di montone. Questa ultima applicazione per la frigidità femminile deve essere fatta nelle ore positive di luna sempre avanti il plenilunio.
Insonnia – Ore notturne bagni di acqua bollente raffreddata con vino e acqua di mare alle mani ed ai lombi.
Paralisi diverse – Le paralisi venivano curate sempre in ore in cui la luce solare non rischiarava il luogo. Due erano i rimedi principali: gli aghi o il tridente infocato, e un animale o parte dell’animale ucciso di fresco ed applicata sulla regione della milza, del fegato o della spina dorsale, ancora bollente della vita. Spero che questo piccolo estratto dell’Anonimo sia sufficiente per dare un’idea di tante stravaganze medicinali.

Secondo ciclo
Puntata ex 6

Agisce beneficamente sulle malattie del cervello di qualunque specie – sui tumori e sulle rotture delle vene. Maleficamente sulle malattie dei reni, di vescica, del sangue, della linfa e sui veleni di origine animale. Ottimamente influenzati: lo zolfo e i suoi sali; il mercurio e i suoi sali; l’arsenico e i suoi sali. Tra i medicamenti vegetali di grande applicazione sono: il cedro, il limone, l’arancio amaro, i semi di cocomero, la lavanda, il giglio, il caprifoglio, la maggiorana, il sellero e il prezzemolo.

Terzo ciclo
Puntata ex 135

Il mezzo per impedire che in tutta la tua vita insetti di qualunquesiasi specie possano annidarsi sulle parti pelose del tuo corpo è il seguente: Prendi al plenilunio, al sorgere della luna piena, tre piccoli ciottoli che siano bagnati nell’acqua di mare, se sei in paese di mare; o tre ciottoli del fondo o della riva del fiume, bagnati dall’acqua corrente, se sei in paese di fiume; o se il tuo luogo è di montagna arida portati sulla bocca di una cisterna e raccoglivi tre pietruzze tra il musco della parete umida. Con una di queste tre pietre striscia la mano sui capelli e dire: netta e bella come la luna. Prendere una seconda pietra e passarla sulle parti pelose del tronco e dire: netto e bello come la luna. Prendere una terza pietra e passarla sulla faccia e dire: bello e terso come la luna. Secondo i casi detti avanti le tre pietre si lanciano in mare, o nel fiume, o nella cisterna da cui sono state prese – e per tutta la tua vita alcun insetto immondo ti succhierà il sangue.

Anonimo nel Moore.

martedì 10 gennaio 2012

Ogni giorno, in Africa, una gazzella si sveglia...morta...


“Ogni giorno, in Africa, una gazzella si sveglia. Sa che dovrà correre più del leone, altrimenti morirà. Ogni giorno, in Africa, un leone si sveglia. Sa che dovrà correre più della gazzella, altrimenti morirà di fame.

Ogni giorno, non importa che tu sia leone o gazzella… fai quello che devi fare!”

Quando il sole sorge, non importa se tu sei un leone o una gazzella sarà meglio che TU COMINCI CORRERE.


"Ogni mattina, in Africa, un leone si sveglia. Sa che dovrà correre più veloce della gazzella o morirà di fame. Ogni mattina, in Africa, una gazzella si sveglia. Sa che dovrà correre più veloce del leone o verrà uccisa. Ogni mattina, in Africa, non importa se tu sei il leone o la gazzella ... sarà meglio che cominci a correre !"

Questa e' la versione del Leone e la Gazzella vista da Aldo Giovanni e Giacomo il celebre trio comico:

"Ogni mattina in Africa, quando sorge il sole una gazzella muore… una gazzella si sveglia già morta, perchè non stava tanto bene il giorno prima, chissà cosa gli hanno dato da mangiare ieri.
Ogni mattina, quando sorge il sole, un leone si sveglia, appena si sveglia comincia a correre, per evitare di fare la fine della gazzella del giorno prima, perchè quando comincia a correre vede la gazzella gia morta e dice:
“Ma che cosa corro a fare stamattina, la gazzella è già qua…visto che ci sono ci tiro due mozzicate”.
Intanto da lontano s’avvicinano la iena e lo sciacallo, arrivano la e dicono:
“ma scusa leone, stamattina non si corre ???”
e lui fa:
“no, perchè c’è la gazzella…”
e loro:
“miii,ci siamo allenati tutta la settimana, mi sono comprato anche la tutina nuova”.
Però la morale dice che:
Non è importante che tu sia un armadillo o un pavone, l’importante è che se muori…Me lo dici prima!!!

lunedì 9 gennaio 2012

Amici mai...



l'amore è un sentimento che ti travolge...spesso si confonde l'amicizia con l'amore stesse emozioni ma con intensità diverse...

sabato 7 gennaio 2012

IL SENSO DELLA VITA

Il senso della vita, da una prospettiva diversa, da parte di una bambina di 3 anni...
Mia figlia Angelica...

mercoledì 4 gennaio 2012

Uomo = Donna o Marito = Moglie



Questioni di punti di vista...



Come ho detto questioni di punti di vista...

Samsung Iphone o Htc ?


Pensare che ogni telefono costa una cifra...immaginate i guadagni.

La foto mandatami da un collega mostra il retro di 3 cellulari, con la scritta dove sono stati costruiti.

Il primo è l' Iphone 4S.

Il secondo è il mio HTC Desire HD.

Il terzo è il Samsung GT-I9100 Galaxy S II.

IPhone 4 da 16 GB, prezzo 499 euro da Uniero.

L'HTC Desire HD infatti, era entrato a listino ad Ottobre 2010 al prezzo di 599 euro.

Il Samsung GT-I9100 Galaxy S II, prezzo aggiornato al 18 Maggio 2011: 599 euro.

Meditate gente, meditate...