domenica 31 ottobre 2010

Elettrosmog



Studi condotti in varie parti del mondo hanno dimostrato la nocività dei campi elettromagnetici sia in bassa sia in alta frequenza.

Leucemie infantili, tumori del sistema nervoso, tumori mammari ed altro sono le patologie indicate da organismi internazionali come possibili conseguenze dovute a questa forma d’inquinamento.(salute)

Elettrodotti, ripetitori per telefonia cellulare (stazioni radio-base), motori elettrici, trasformatori ed altre apparecchiature producono campi elettromagnetici talvolta superiori ai limiti consentiti.

La legislazione in proposito è alquanto complessa, ad esempio per i lavoratori bisogna far riferimento a norme europee, ad indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e alle leggi e decreti italiani che fissano i limiti in funzione dell’esposizione attribuendo la responsabilità al datore di lavoro del rispetto dei limiti. La legge quadro, varata nel 2001, e la successiva emanazione nel 2003 dei decreti attuativi, non ha ancora chiarito tutti gli aspetti del problema. (leggi)

giovedì 28 ottobre 2010

Bunga Bunga








“Vi sono due ministri del governo Prodi che vanno in Africa, su un’isola deserta, e vengono catturati da una tribù di indigeni. Il capo tribù interpella il primo ostaggio e gli propone: ‘‘Vuoi morire o bunga-bunga?’’. Il ministro sceglie: ‘‘bunga-bunga’’. E viene violentato. Il secondo prigioniero, anche lui messo dinanzi alla scelta, non indugia e risponde: ‘‘Voglio morire!’’. Ma il capo tribù: ‘‘Prima bunga-bunga e poi morire”.

mercoledì 27 ottobre 2010

Kremmerz : lunazioni di Ottobre 2010


Medicina tradizionale: le Lunazioni di ottobre


Mese di Ottobre 2010

Costellazioni di Bilancia e Scorpione.
Decani : Giove, Marte e Sole di Bilancia.
Sole e Venere di Scorpione.

Fase del Novilunio: 7 Ottobre – ore 19.44.

Questa luna è la seconda delle 8 osiridee di Ka-ar, si chiamava A-Kar. E’ ottima per tutte le malattie viscerali, la stitichezza, il fegato, l’alto intestino. Agisce beneficamente sui catarri e i muchi. Nei casi di dissenteria è addirittura miracolosa. Ha tre giorni faustissimi: il 5°, il 18° e il 23°.

Primo ciclo
Puntata ex 197
Il medicamento primeggiante: gli estratti biliari ed epatici per tutte le infermità degli intestini e le atonie dello stomaco. La seppia omeopatica per tutte le infermità interne e vescicali delle donne. Non potendo fornirsi di estratti, farli premendo la sostanza tra due mestoli di legno. Le uova dei pesci per le infermità della prostata; i tuorli d’uovo di uccelli marini e di oche per le infermità e le debolezze del cuore. Il carbone, il carbonato di potassa omeopatica e il caprifoglio per le infezioni intestinali. Il succo di limone diluito per le infermità delle orecchie e naso.

Secondo ciclo
Puntata ex 193
Profumo: Lo zafferano bruciato.
Pietra: Il cristallo verde che si trova nelle sabbie e tra i ciottoli dei mari scogliosi.
Colore: Il rosso scarlatto.
Cibi : Uccelli di ogni specie, selvaggi e domestici. Il sellero, le olive in conserva, il pane ben cotto, il pane di mandorla. Il miele cotto.

Terzo ciclo
Puntata ex 119
In questa luna prendi un legno di lauro, ramo o tronco, piegalo con l’aiuto di un po’ di fuoco ad arco e scrivivi su il nome di un ammalato grave; poi attacca questo legno curvato in una tela grossa e mettilo ai piedi del tuo letto. Se nel silenzio della notte il legno produce piccoli scoppi, o fa scoppiare i mobili che sono nella camera, conta i colpi, se vanno a coppie, cioè uno scoppio succede all’altro immediatamente, l’ammalato guarisce, se procedono disordinati o non si fanno sentire, aspettati cattiva novella. Questo legno così preparato e curvato conservalo perché ti serve in tutti i tempi, solo che tu cancelli un nome e ve ne metti un altro.
Anonimo

martedì 26 ottobre 2010

Onore al Popolo !!!




Anziana che inveisce contro il governo nuovo idolo della rete

"In due minuti ha demolito il centrodestra", commentano in tanti. Mentre altri sorridono: "Con una leader così la sinistra vincerebbe per i prossimi 200 anni". La donna contestava la deputata Anna Maria Bernini (Pdl) durante un'intervista in tv davanti a Montecitorio. Striscia la Notizia ha ripreso l'accorato intervento della vecchietta, che nel giro di qualche giorno è diventata un'eroina della rete...

Lancia il Berlu

Lancia il Berlu - Hurl Berl

I leader del G8 si incontreranno in Canada il prossimo giugno. Quasi tutti i Paesi del G8 hanno aumentato gli aiuti concreti all'Africa. Ciò ha permesso a 42 milioni di bambini di andare a scuola e ha reso possibile la somministrazione di cure ad oltre 3 milioni di persone affette da AIDS. Solo una persona non ha mosso un dito: e secondo quanto sostiene la 'One international', l'associazione guidata dal cantante degli U2, Bono, Berlusconi andrebbe espulso dal G8. Allora, se siete d'accordo con la One, agite per lanciare il Berlu fuori dal G8... il più lontano possibile. Per farlo basta il MOUSE! :)

Giochi by Flashgames.it

lunedì 25 ottobre 2010

Sono un Eroe (by Caparezza)




“Questa che vado a raccontarvi è la vera storia di Luigi delle Bicocche,
eroe contemporaneo a cui noi tutti dobbiamo la nostra libertà”

Piacere, Luigi delle Bicocche
Sotto il sole faccio il muratore e mi spacco le nocche.
Da giovane il mio mito era l’attore Dennis Hopper
Che in Easy Rider girava il mondo a bordo di un chopper
Invece io passo la notte in un bar karaoke,
se vuoi mi trovi lì, tentato dal videopoker
ma il conto langue e quella macchina vuole il mio sangue
..un soggetto perfetto per Bram Stroker
Tu che ne sai della vita degli operai
Io stringo sulle spese e goodbye macellai
Non ho salvadanai, da sceicco del Dubai
E mi verrebbe da devolvere l’otto per mille a SNAI
Io sono pane per gli usurai ma li respingo
Non faccio l’ Al Pacino, non mi faccio di pacinko
Non gratto, non vinco, non trinco/ nelle sale bingo/
Man mano mi convinco/ che io

sono un eroe, perché lotto tutte le ore. Sono un eroe perché combatto per la pensione
Sono un eroe perché proteggo i miei cari dalle mani dei sicari dei cravattari
Sono un eroe perché sopravvivo al mestiere. Sono un eroe straordinario tutte le sere
Sono un eroe e te lo faccio vedere. Ti mostrerò cosa so fare col mio super potere

Stipendio dimezzato o vengo licenziato
A qualunque età io sono già fuori mercato
…fossi un ex SS novantatreenne lavorerei nello studio del mio avvocato
invece torno a casa distrutto la sera, bocca impastata
come calcestruzzo in una betoniera
io sono al verde vado in bianco ed il mio conto è in rosso
quindi posso rimanere fedele alla mia bandiera
su, vai, a vedere nella galera, quanti precari, sono passati a malaffari
quando t’affami, ti fai, nemici vari, se non ti chiami Savoia, scorda i domiciliari
finisci nelle mani di strozzini, ti cibi, di ciò che trovi se ti ostini a frugare cestini
..ne’ l’Uomo ragno ne’ Rocky, ne’ Rambo ne affini
farebbero ciò che faccio per i miei bambini, io sono un eroe.

Per far denaro ci sono più modi, potrei darmi alle frodi
E fottermi i soldi dei morti come un banchiere a Lodi
C’è chi ha mollato il conservatorio per Montecitorio
Lì i pianisti sono più pagati di Adrien Brody
Io vado avanti e mi si offusca la mente
Sto per impazzire come dentro un call center
Vivo nella camera 237 ma non farò la mia famiglia a fette perché sono un eroe.


LISTA DEGLI INDAGATI CONDANNATI IN PARLAMENTO




  1. ANDREOTTI Giulio (Sen. a vita) - condannato per associazione a delinquere (l'associazione mafiosa è stata inserita nel codice solo dopo l'epoca dei fatti contestati), prescritto
  2. BERLUSCONI Silvio (PDL) - 2 amnistie (falsa testimonianza P2, falso in bilancio Macherio); 2 assoluzioni per depenalizzazione del reato (falso in bilancio All Iberian, Sme-Ariosto); 8 archiviazioni (6 per mafia e riciclaggio, 2 per concorso in strage); 6 prescrizioni; 3 processi in corso (frode fiscale Mediaset, corruzione in atti giudiziari Mills, frode fiscale e appropriazione indebita Mediatrade), tutti sospesi in attesa che la Consulta si pronunci sulla legge sul legittimo impedimento.
  3. BERRUTI Massimo Maria (PDL) - condannato per favoreggiamento
  4. BOSSI Umberto (Lega Nord) - condanne per finanziamento illecito, istigazione a delinquere, vilipendio della bandiera
  5. BRAGANTINI Matteo (Lega Nord) - condannato in appello per propaganda razziale
  6. BRANCHER Aldo (PDL) - condannato in primo grado e appello per falso in bilancio e finanziamento illecito al psi. Il primo reato prescritto, il secondo depenalizzato. Indagato per ricettazione
  7. BRIGANDI' Matteo (Lega Nord) - condannato in primo grado per truffa aggravata alla regione Piemonte
  8. BRIGUGLIO Carmelo (PDL) - vari processi a carico (truffa, falso, abuso d'ufficio), alcuni prescritti, alcuni trasferiti ad altri tribunali ed in seguito assolto
  9. CALDEROLI Roberto (Lega Nord) - indagato per ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale prescritto, indagato per associazione antinazionale reato poi dichiarato incostituzionale
  10. CAMBER Giulio (PDL) - condannato in via definitiva per millantato credito
  11. CANTONI Giampiero (PDL) - patteggia per corruzione e bancarotta fraudolenta
  12. CAPARINI Davide (Lega Nord) - resistenza a pubblico ufficiale prescritto
  13. CASTAGNETTI Pierluigi (PD) - rinviato a giudizio per corruzione, prescritto
  14. CASTELLI Roberto (Lega Nord) - indagato per abuso d'ufficio patrimoniale, il Senato vota totale immunità
  15. CATONE Giampiero (PDL) - rinviato a giudizio per associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, false comunicazioni sociali, bancarotta fraudolenta pluriaggravata e estorsione
  16. CESA Lorenzo (UDC) - condannato in primo grado per corruzione aggravata, condanna annullata in appello per incompatibilità del GIP, indagato per truffa e associazione a delinquere
  17. CIARRAPICO Giuseppe (PDL) - condannato per truffa aggravata e continuata ai danni di INPS e INAIL, multa per violazione legge tutela "lavoro fanciulli e adolescenti", condannato per falso in bilancio e truffa, condanna per diffamazione, condannato per bancarotta fraudolenta, condannato per finanziamento illecito, condannato per il crac "valadier", condannato in appello per assegni a vuoto e in seguito reato depenalizzato, condanna in primo grado per abuso ed in seguito prescritto, condannato per truffa e violazione della legge sulle trasfusioni, rinviato a giudizio per ricettazione, indagato per truffa ai danni di palazzo Chigi
  18. CICCHITTO Fabrizio (PDL) - Il suo nome compare nelle liste della loggia massonica P2: fascicolo 945, numero di tessera 2232, data di iniziazione 12 dicembre 1980. All’epoca della scoperta degli elenchi Cicchitto era deputato e membro della direzione del Psi. è uno dei pochi ad aver ammesso di aver sottoscritto la domanda di adesione.
  19. COMINCIOLI Romano (PDL) - rinviato a giudizio per false fatture e bilanci truccati, reati poi depenalizzati
  20. CRISAFULLI Vladimiro (PD) - Ex sindaco di Enna e uomo forte dei Ds siciliani, è sotto inchiesta insieme a Totò Cuffaro per violazione di segreto d’ufficio nell’inchiesta su Messina Ambiente. Ë stato indagato dalla procura di Caltanissetta per concorso esterno in associazione mafiosa. Indagine archiviata nel febbraio 2004
  21. CUFFARO Salvatore (UDC) - condannato per favoreggiamento
  22. CUSUMANO Stefano (Udeur) - Arrestato nel 1999 a Catania con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e turbativa d’asta. Oggi resta sotto processo, con la sola accusa di turbativa d’asta, per gli appalti del nuovo ospedale Garibaldi di Catania. È senatore della Repubblica.
  23. D'ALEMA Massimo (PD) - finanziamento illecito accertato, prescritto
  24. DE ANGELIS Marcello (PDL) - condannato per banda armata e associazione eversiva
  25. DE GREGORIO Sergio (PDL) - indagato per riciclaggio e favoreggiamento della camorra, corruzione, concorso esterno in associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata al riciclaggio
  26. DELFINO Teresio (UDC) - Sottosegretario del governo Berlusconi, ha ricevuto un avviso di garanzia nell’inchiesta sui fondi dell’Enoteca d’Italia.
  27. DELL'UTRI Marcello (PDL) - condannato per false fatture e frode fiscale, condannato in appello per tentata estorsione mafiosa, condannato in secondo grado a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa.
  28. DEL PENNINO Antonio (PDL) - Nel luglio 1994 ha patteggiato una pena di 2 mesi e 20 giorni (convertita nella sanzione di 4 milioni) nel processo per le tangenti Enimont. A ottobre 1994 altro patteggiamento: di una pena di 1 anno, 8 mesi e 20 giorni per tangenti relative alla Metropolitana milanese. Il 25 gennaio 2000 la settima sezione penale del tribunale di Milano lo ha prosciolto nel processo per le tangenti Atm, per le forniture di autobus all azienda dei trasporti milanese
  29. DEL BONO Flavio (PD) - indagato per abuso di ufficio, peculato e truffa aggravata
  30. DE LUCA Francesco (PDL) - indagato per tentata corruzione in atti giudiziari
  31. DE Luca Vincenzo (PD) - Nel dicembre 2008 con altri 46 imputati, viene rinviato a giudizio per truffa ai danni dello stato e falso in relazione alla vicenda relativa alla delocalizzazione delle Manifatture Cotoniere Meridionali. Nell'aprile 2009 il rinvio viene confermato per De Luca ad altri 13 imputati. Nel luglio 2010 viene condannato in primo grado dalla Corte dei Conti (sezione giurisdizionale di Napoli), insieme all'ex-sindaco De Biase ad alcuni dirigenti comunali, per questioni inerenti gli stipendi dei dirigenti del Comune di Salerno. Viene condannato a pagare 23 mila euro . Il 6 luglio 2010 la Corte dei Conti di Salerno dichiara la prescrizione nei confronti di De Luca e degli altri imputati del processo per lo sversamento di rifiuti, nel 2001, nel sito di Ostaglio, non ancora completato.
  32. DRAGO Giuseppe (UDC) - condannato in appello per peculato e abuso d'ufficio
  33. FARINA Renato (PDL) - patteggia condanna per favoreggiamento nel sequestro di Abu Omar
  34. FASANO Vincenzo (PDL) - condannato per concussione, indultato
  35. FIRRARELLO Giuseppe (PDL) - condannato in primo grado per turbativa d'asta, richiesto rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa
  36. FITTO Raffaele (PDL) - rinvio a giudizio per concorso in corruzione, falso e finanziamento illecito
  37. FRIGERIO Gianstefano (PDL) - Ex leader della Dc, diventato uno degli strateghi di Forza Italia. Ha confessato, per esempio, di aver ricevuto 150 milioni da Paolo Berlusconi, in cambio dei permessi alla Fininvest per gestire la discarica di Cerro Maggiore. Ha accumulato tre condanne definitive: 1 anno e 4 mesi per finanziamento illecito ai partiti, 1 anno e 7 mesi per finanziamenti illeciti e ricettazione, 3 anni e 9 mesi per corruzione e concussione. Doveva scontare in definitiva una pena di 6 anni e 5 mesi. Affidato poi ai servizi sociali, ha avuto il permesso dal giudice di sorveglianza di frequentare il Parlamento per qualche giorno al mese: come pratica di riabilitazione
  38. GALATI Giuseppe (PDL) - indagato per associazione a delinquere, truffa e associazione segreta
  39. GIUDICE Gaspare (PDL) - condannato in primo grado per bancarotta, prescritto
  40. GRILLO Luigi (PDL) - rinviato a giudizio per aggiotaggio, indagato e prescritto per truffa
  41. LA LOGGIA Enrico (PDL) - Indagato al Tribunale dei ministri per finanziamenti dalla Parmalat di Calisto Tanzi (100 mila euro) in cambio di presunte “consulenze”.
  42. IAPICCA Maurizio (PDL) - rinviato a giudizio per false fatture, falso in bilancio e abuso d'ufficio, prescritto
  43. LA MALFA Giorgio (Gruppo Misto) - condannato per finanziamento illecito
  44. LAGANA' FORTUGNO Maria Grazia (PD) - indagata per truffa ai danni dello Stato
  45. LANDOLFI Mario (PDL) - indagato per corruzione e truffa "con l’aggravante di aver commesso il fatto per agevolare il clan mafioso La Torre"
  46. LEHNER Giancarlo (PDL) - condannato per diffamazione
  47. LETTA Gianni ( PDL) - Nel 1993 era stato indagato per corruzione dalla procura di Roma che ne aveva chiesto addirittura l’arresto. L’inchiesta era stata poi archiviata, ma con motivazioni non proprio esaltanti per Letta. Un altra inchiesta era stata scippata, negli anni Ottanta, alla procura di Milano dal porto delle nebbie romano: quella di Gherardo Colombo sui fondi neri dell’Iri, nella quale l’allora direttore del “Tempo” Gianni Letta aveva ammesso, nel dicembre 1984, di aver ricevuto 1 miliardo e mezzo di lire in nero dall’ente statale per ripianare i buchi del suo disastrato giornale. Un giornale che, scrissero Scalfari e Turani in “Razza padrona”, era “in vendita ogni giorno, e non solamente in edicola”.
  48. LOLLI Giovanni (PD) - rinviato a giudizio per favoreggiamento
  49. LUSETTI Renzo (PD) - condannato a risarcimento di 1 milione di lire per consulenze ingiustificate
  50. MALVANO Franco (Forza Italia) - Ex questore di Napoli, Ë sotto inchiesta per concorso esterno in associazione camorristica.
  51. MANNINO Calogero (UDC) - condannato in appello per concorso esterno in associazione mafioso e processo d'appello annullato e da rifare, rinviato a giudizio per associazione a delinquere, appropriazione indebita, frode in commercio, vendita di sostanze alimentari non genuine, falso ideologico e truffa aggravata
  52. MARGIOTTA Salvatore (PD) - indagato per falso ideologico e abuso d'ufficio
  53. MARONI Roberto (Lega Nord) - condannato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, imputato per creazione di struttura paramilitare fuorilegge
  54. MARTINAT Ugo (PDL) - indagato per turbativa d'asta e abuso d'ufficio
  55. MATTEOLI Altero (PDL) - imputato per favoreggiamento, processo bloccato dalla Camera
  56. MESSINA Alfredo (PDL) - indagato per favoreggiamento in bancarotta fraudolenta
  57. NANIA Domenico (PDL) - condannato per lesioni personali, condannato in primo grado per abusi edilizi e prescritto
  58. NARO Giuseppe (UDC) - condannato per abuso d'ufficio, condanna in primo grado per peculato prescritta
  59. NESSA Pasquale (PDL) - rinviato a giudizio per concussione
  60. ORLANDO Leoluca (IDV) - condannato per diffamazione
  61. PARAVIA Antonio (PDL) - arrestato per tangenti, prescritto
  62. PAPA Alfonso (PDL) - indagato per abuso d'ufficio patrimoniale, immunità
  63. PAPANIA Antonio (PD) - patteggia accusa per abuso d'ufficio
  64. PECORELLA Gaetano (PDL) - imputato per favoreggiamento nelle stragi di piazza fontana e piazza la loggia
  65. PILI Mauro (PDL) - Ex presidente della Regione Sardegna, Ë indagato a Cagliari per peculato.
  66. PITTELLI Giancarlo (PDL) - indagato per associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio e "appartenenza a loggia massonica segreta o struttura similare"
  67. PREVITI Cesare (PDL) - Avvocato personale di Silvio Berlusconi, ha ereditato l’incarico professionale dal padre, che aiutò il giovane Silvio a fondare la Fininvest. E’ stato condannato, in appello, a 5 anni per corruzione del giudice Squillante e a 7 anni per corruzione del giudice Metta nel caso Imi-Sir.
  68. RIGONI Andrea (PD) - condanna in primo grado per abuso edilizio prescritta
  69. ROMANI Paolo (PDL) - Viene indagato per bancarotta fraudolenta e false fatture. L’udienza preliminale termina però con un pieno proscioglimento: per Romani niente bancarotta. Il suo nome è anche nell’elenco dei politici che ricevono generosi finanziamenti dalla Banca popolare di Lodi di Gianpiero Fiorani. In effetti Romani ha bisogno di soldi: sta pagando circa 400 mila euro come risarcimento al curatore fallimentare di Lombardia 7.
  70. ROMANO Francesco Saverio (UDC) - indagato per concorso esterno in associazione mafiosa
  71. RUSSO Paolo (PDL) - indagato per violazione della legge elettorale
  72. SCAJOLA Claudio (PDL) - arrestato per concussione aggravata nel 1983, è stato prosciolto poi in seguito.
  73. SCAPAGNINI Umberto (PDL) - condannato in primo grado per abuso d'ufficio e violazione della legge elettorale, indagato per abuso d'ufficio aggravato
  74. SCELLI Maurizio (PDL) - accusato di aver dirottato 17 milioni di euro destinati alla missione "antica babilonia"
  75. SCIASCIA Salvatore (PDL) - condannato per corruzione
  76. SIMEONI Giorgio (PDL) - indagato per associazione per delinquere e corruzione
  77. SPECIALE Roberto (PDL) - indagato per utilizzo privato di mezzi della GdF
  78. STERPA Egidio (PDL) - Deputato di Forza Italia. Dirigente del vecchio Partito liberale, Ë stato condannato a 6 mesi in via definitiva per la tangente Enimont.
  79. STORACE Francesco (PDL) - Ex presidente della Regione Lazio e poi ministro della Salute, ha dovuto dimettersi perchè coinvolto nello scandalo delle intercettazioni e dello spionaggio illecito ai danni di Piero Marrazzo, Alessandra Mussolini e Giovanna Melandri, suoi avversari alle elezioni regionali del 2005. Per questa vicenda, è indagato anche per associazione a delinquere.
  80. TOMASSINI Antonio (PDL) - condannato per falso
  81. TORTOLI Roberto (PDL) - indagato per concorso in estorsione
  82. VALENTINO Giuseppe (PDL) - indagato per favoreggiamento
  83. VISCO Vincenzo (PD) - Deputato della Repubblica, ex ministro Ds. Condannato definitivamente dalla Cassazione nel 2001 per abusivismo edilizio, per via di alcuni ampliamenti illeciti nella sua casa a Pantelleria: 10 giorni di arresto e 20 milioni di ammenda.
  84. VITO Alfredo (PDL) - Fu indagato, arrestato e processato per tangenti. Condanna definitiva e 2 anni patteggiati e oltre 4 miliardi di lire restituiti per 22 episodi di corruzione a Napoli. La Direzione distrettuale antimafia di Napoli chiese al Parlamento l’autorizzazione a procedere contro di lui anche per concorso esterno in associazione a delinquere di tipo mafioso, sospettando suoi rapporti con la Camorra (fu poi prosciolto). Patteggiò la condanna e restituì parte del malloppo. Quei quasi 5 miliardi sono stati impiegati per costruire un parco pubblico alla periferia di Napoli
  85. VALENTINO, Giuseppe (PDL) - Sottosegretario alla Giustizia del governo Berlusconi, è indagato in Calabria in relazione “a condotte attinenti gli interessi della criminalitý organizzata nel settore dei finanziamenti pubblici, degli appalti, delle infiltrazioni nelle istituzioni e nella pubblica amministrazione”. Il suo nome Ë anche presente nelle indagini sulle scalate bancarie dell’estate 2005, indicato come uno dei politici che erano punto di riferimento per il banchiere Gianpiero Fiorani.
  86. VIZZINI Carlo (PDL) - condannato in primo grado per finanziamento illecito, prescritto
  87. ZINZI Domenico (UDC) - condannato in primo grado per omicidio colposo. In seguito la prima sezione della corte di appello di Napoli lo ha assolto perché il fatto non sussiste

Fiat



Dal Blog di Beppe Grillo...

"La Fiat potrebbe fare di più se potesse tagliare l'Italia", lo ha detto Marchionne, senza neppure un balbettio, un minimo rossore, senza vergognarsi. E' l'Italia che avrebbe potuto fare di più se avesse tagliato da tempo la Fiat che ha succhiato per decenni contributi statali, casse integrazioni, l'attività di decine di migliaia di operai, impiegati, ingegneri. Senza lo Stato italiano e senza il lavoro degli italiani, compreso tutti coloro che hanno acquistato le auto degli Agnelli, la Fiat non varrebbe nulla. Meno di nulla. Un soldo bucato. L'Italia dovrebbe rilevare tutte le strutture produttive della Fiat al valore simbolico di un euro e riconvertirle oppure farsi restituire i miliardi di euro di agevolazioni. Dopo, ma solo dopo, lo svizzero Marchionne, il metalmeccanico Marchionne, potrà andare a produrre dove gli pare, agli stipendi di fame che gli pare. Nel frattempo, caro Marchionne: MAVAFFANFIAT!

Di Pietro vs Berlusconi

Berlusconi è uno stupratore della democrazia...

Tutte le promesse di Berlusconi

Buffone !!!

Vende bene il fumo...

Nemesi - Milano

Forza ragazzi...

mercoledì 20 ottobre 2010

LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI ?


In tribunale cambieranno la scritta da: La legge è uguale per tutti, in

La Legge è Uguale per Tutti ?